L’importanza di una postura corretta

nov 12, 2021 |
  • Cura i tuoi muscoli
elisa-saviano-osteopata-massoterapista

Elisa Saviano

Osteopata e Massoterapista

Amo il mio lavoro, amo far stare bene le persone e amo aiutarle a prendere consapevolezza della propria salute. L’Osteopatia è un connubio tra arte, scienza e anatomia. L’Equilibrio perfetto che consente al corpo di trovare comfort senza l’aiuto dei medicinali. La medicina osteopatica è un mondo a sè in cui tutte le parti del tuo corpo si relazionano tra loro e il suo obiettivo è quello di eliminare la causa che genera il sintomo di dolore.

Esercizi e consigli da applicare nella quotidianità!

La postura è la posizione di equilibrio che il corpo umano mantiene in un dato spazio rispetto alla gravità, attraverso il minor dispendio energetico corporeo.

Il primo punto di sostegno sono i piedi che aiutano i vari segmenti corporei a rimanere in equilibrio stabile controllando l’allineamento della testa e del tronco e le sue naturali e variabili oscillazioni.

Può essere in stazione eretta, da seduto, in decubito laterale, prono e supino.

A coordinare la giusta postura intervengono il sistema nervoso centrale e periferico, gli occhi, i piedi, la cute, i muscoli, le articolazioni e l’apparato stomatognatico (sistema occlusale, lingua e orecchio interno) oltre a fattori esterni (abitudini, stati emotivi, periodi di stress, traumi fisici) agli squilibri respiratori e alla corretta alimentazione.

 

Cosa modifica la postura? Ecco alcune azioni quotidiane.

La postura è sempre in continua modificazione e di volta in volta, asseconda il vissuto dell’individuo rispetto all’ambiente in cui vive assimilando anche le cattive abitudini.

Le ripetute posture acquisite sul luogo di lavoro o l’errata postura di chi solleva pesanti oggetti o ancora di chi passa molto tempo a giocare ai video-game o sul divano a guardare la TV assume cattive posture che incide negativamente a livello muscolare che, con il passare del tempo, crea una retrazione muscolare permanente e, a volte, inversioni delle curve fisiologiche della colonna vertebrale.

Nella moderna società si parla addirittura di sindrome Text Neck associata alla cattiva correlazione tra cervicale e tecnologia. Il troppo utilizzo di dispositivi quali personal computer, tablet o smartphone in posizioni errate cronicizzano la parte cervicale obbligando il corpo ad assumere una posizione non fisiologica.

Per quanto comoda, nel tempo, questa postura del collo flessa in avanti risulta dannosa; mantenere la testa chinata crea un peso sul tratto cervicale di oltre 27 kg rispetto ai 4-5 kg della posizione eretta. Questo carico eccessivo può esacerbare mal di testa, cervicalgia, rigidità dorsale, formicolio e intorpidimento degli arti.

Quando una postura scorretta è ormai cronicizzata si parla di postura inquinata e il soggetto incontrerà col tempo problemi muscolo-scheletrici, mal di schiena, dolori alla colonna vertebrale, stanchezza e pesantezza.

Gli effetti di una postura inquinata si manifestano per lo più a livello articolare sotto forma di compressione fino ad avere vere e proprie modificazioni della struttura scheletrica come scoliosi di adattamento, iperlordosi, ipercifosi, valgismo e varismo delle ginocchia.

L’Osteopata valuta in toto la situazione del soggetto e analizza il corpo sui 3 piani dello spazio, considera le simmetrie/asimmetrie dei distretti anatomici e valuta una possibile disfunzione osteopatica che crea adattamenti errati provocando dolori e fastidi muscolo-scheletrici.

L’osteopata ricerca inoltre, l’equilibrio del corpo al fine di garantirgli il comfort e la salute.

Ecco poche semplici regole che aiutano a mantenere una corretta postura:

  • sedersi con la schiena sempre dritta, appoggiata bene allo schienale e tenere le spalle indietro

  • Mantenere le normali curvature della schiena

  • Distribuire il peso corporeo lungo entrambi i fianchi

  • Piegare le ginocchia ad angolo retto tenendole sempre più alte delle anche

  • Non fare torsioni strane per prendere oggetti lontani (evitando così il classico “colpo della strega”)

  • Evitare la stessa posizione per più di 30 minuti

  • Regolare l’altezza della poltrona e della postazione di lavoro

  • Praticare costante attività fisica

  • Bere almeno 2 litri di acqua al giorno per mantenere idratati i tessuti

  • Alimentarsi in modo sano e coscienzioso

  • Effettuare sedute di terapia manuale, osteopatiche e massoterapiche

TRIGGER POINT - Simeon NielAsher (Ediermes)
I MUSCOLI, FUNZIONI E TEST - Kendall (Verduci Editore)
CHINESIOLOGIA DEL SISTEMA MUSCOLO SCHELETRICO - Neumann (Piccin)